Matteoli: “Barella è da Inter, ha la testa giusta. Nainggolan? Ecco cosa gli dicevo a Cagliari”

Matteoli parla di Inter – Cagliari

Solo quando ci sei dentro te ne rendi veramente conto: prima non puoi nemmeno immaginarlo.

Giocare a San Siro è un’emozione clamorosa”. Lo dice Gianfranco Matteoli, che ha diviso la sua carriera tra Cagliari e Inter. In nerazzurro è stato il regista della squadra di Trapattoni, quella dei record e oggi è uno degli osservatori dello staff di Ausilio. Da dirigente ha avuto una carriera lunghissima in rossoblù. È arrivato con Cellino, è andato via con Giulini.

“Sono cresciuto con Mino Favini nel Como, ho apprezzato l’uomo e il lavoro che ha fatto in carriera. Grazie a lui avevo sempre il pallino di lavorare nei settori giovanili. Il presidente Cellino mi ha dato questa opportunità facendomi sentire a mio agio e ragionare con la mia testa. Tanti ragazzi che ora giocano tra i professionisti sono frutto di quel lavoro, di quel bellissimo periodo”.

Uno dei giovani che ha scoperto è Nicolò Barella, oggi stellina del Cagliari di Maran.
“Avevamo puntato molto sui ragazzi sardi, abbiamo fatto un lavoro straordinario che forse adesso si sono un po’ dimenticati… Il Barella di oggi già si vedeva allora: aveva forte personalità al di là delle doti tecniche e di quello che gli ha dato madre natura. Era precoce, aveva una straordinaria testa: quando la palla andava fuori dal campo non aspettava che gliene passassero un’altra, lui saltava la rete e la riprendeva”.

Secondo lei è pronto per una big, Inter in prima fila? “Vedendo quello che sta facendo adesso sì: è vero che giocare in una grande squadra è molto diverso, però lui ha la personalità per giocare a San Siro. Perché in quello stadio ci vuole testa, i tifosi non ti concedono due errori di fila. A volte quando scegli i giocatori devi pensare anche e soprattutto a questo: magari sono bravissimi tecnicamente ma davanti a queste pressioni si nascondono”.

Negli anni di Cagliari ha incrociato anche Nainggolan. “Gli dicevo che era un giocatore da Inter. Anche lui ha avuto una storia con me nelle giovanili: quando ebbe dei problemi ed era fuori rosa, prima dell’arrivo di Bisoli, ha fatto 3 mesi con noi in Primavera. Radja se sta bene ti spacca le partite, è un leader che ti cambia un match con le accelerazioni, la personalità: si vede che non ha paura di niente, per questo è diventato un giocatore vero”.

L’Inter di Spalletti non ha un regista alla Matteoli. “Non c’è un playmaker, è vero, però c’è Brozovic e se devo dire la verità mi sta piacendo molto il suo modo di giocare. Credo che si stia adattando molto bene. Spalletti è un allenatore davvero bravo e sa dove mettere i giocatori: evidentemente vuole impostare la squadra proprio in questo modo. Io credo che i giocatori siano messi bene in campo per crescere secondo le idee dell’allenatore”.

Non le chiediamo per chi tifa, ma stasera che partita sarà? “Per il Cagliari sarà molto difficile giocare a San Siro in questo momento con un’Inter forte”.

E mercoledì i nerazzurri hanno di nuovo la Champions, col Psv. “Nel calcio c’è una regola: non devi mai avere paura. L’Inter è l’Inter e non può avere paura, come dimostrato con il Tottenham. Tutte le avversarie sono forti, ma se l’Inter gioca come sa fare ha tutte le potenzialità per passare il turno”.

Fonte Gazzetta dello Sport