Hermoso Inter. Il mercato in casa Inter è lontano dal potersi definire chiuso e le ultime ore lo stanno dimostrando. L'infortunio alla tibia di Tajon Buchanan e la sua assenza per minimo quattro mesi, costringe la dirigenza interista a tornare sul mercato. Da quanto emerge però l'intenzione del club nerazzurro è di acquistare un braccetto di difesa invece di un esterno destro, ruolo che si ritiene coperto a sufficienza ora che Dumfries è vicino a rimanere. Nelle ultime ore, oltre a registrare l'interesse per Buongiorno e cercare di inserirsi nella trattativa con il Napoli, è tornato di moda il nome di Hermoso, difensore andato in scadenza di contratto con l'Atletico Madrid.

L'Inter ripensa a Hermoso: quali ostacoli ci possono essere

Il suo nome era circolato già a stagione in corso proprio in prossimità delle sfide champions contro i colchoneros ma era stato velocemente accantonato per l'elevato costo dell'operazione in un reparto che non sembrava necessitare di interventi. Ora la situazione è diversa, l'infortunio di Acerbi e le possibili sirene arabe per Stefan De vrij portano a delle riflessioni sul reparto difensivo che si pensava potessero essere rimandate di un anno. Tuttavia, per arrivare al difensore spagnolo bisogna superare due ostacoli. Come riporta il Corriere dello Sport, il giocatore è molto gradito sia in Viale della Liberazione che alla pinetina, dove si pensa possa essere perfetto nel ruolo di braccetto come già dimostrato con Simeone. I due ostacoli da superare, come spesso capita con i parametri zero riguarda l'ingaggio e le commissioni. Inoltre, dalla società trapela come la proprietà preferirebbe e avvallerebbe più facilmente un investimento per un difensore tra i 24 e 26 anni piuttosto che ingaggiare un classe 95 come Hermoso. Per questo motivo un'altro nome che è uscito nelle ultime ore è Alessandro Buongiorno, con l'Inter che ha chiesto informazioni sul giocatore in un incontro avuto in sede.    
Sorteggio Champions 2025: c’è la data. Addio palline, ecco come avverrà
Calciomercato Inter: il punto della situazione su Inter-Buongiorno