Pià Junior Atalanta. L'Atalanta, si sa, è rinomata per la sua eccellenza nel settore giovanile e la valorizzazione dei talenti, ma questa sua grande capacità manageriale ha subito un duro colpo con la perdita di uno dei suoi gioielli più promettenti: Samuele Inacio, in arte Pià Junior.

Pià Junior va in Germania, al Borussia Dortmund

Figlio dell'ex attaccante del Napoli, Pià, Samuele è stato una delle stelle nascenti dell'Under 17 atalantina, e questo non fa notizia essendo il settore giovanile degli orobici un'autentica fucina di talenti. Quello che, invece, fa notizia è che il suo futuro non è più legato alla "Dea" e all'Italia, ma va dritto in Germania tra le fila del Borussia Dortmund. Samuele è stato da tutti soprannominato il Neymar italiano, perchè mentre molti bambini passavano i pomeriggi indossando le maglie di Messi e Cristiano Ronaldo, lui preferiva imitare Neymar, studiando le sue abilità su YouTube. Come riporta la Gazzetta dello Sport, lo imitava in tutto e per tutto: eseguiva doppi passi, croquetas, elastici e passaggi no-look, sempre con un sorriso. Nel tempo ha assimilato questi movimenti che oramai compie con facilità integrandoli nel suo repertorio. Il direttore di Sportitalia, Michele Criscitiello, ha sottolinato come l'Atalanta abbia di fatto commesso un gravissimo errore facendosi sfuggire una giovane promessa: "Scippo tedesco all'Atalanta, il Dortmund pronto a prendere Pià Junior e l'Atalanta lo sta perdendo, perché è un 2008, ancora non gli hanno fatto il contratto da professionista. Anche qui parliamo di un giovane di serie, è il figlio di Pià, ex attaccante del Napoli. Altra dormita, in una società come l'Atalanta, in questo caso, ci spaventa che stiamo parlando dell'Atalanta". Queste le sue parole nel corso della sua trasmissione. Pià si aggiunge alla lista composta da altri due talenti italiani che finiscono in terra tedesca, ovvero Guido Della Rovere e Andrea Natali.
Le prime indiscrezioni sulla maglia pre match della prossima stagione
Ausilio: "Vogliamo i rinnovi di Inzaghi e Dumfries. Mentre su Martinez…”