Stramaccioni
Stramaccioni

Mehdi Taremi, arrivato ieri a Milano, sarà il primo iraniano nella storia dell'Inter. Il suo palmares dice che porterà grande esperienza alla squadra di Simone Inzaghi ma, per provare a leggere in anticipo il suo futuro, l'ex allenatore nerazzurro Andrea Stramaccioni, che peraltro ha anche allenato in Iran, ha raccontato il nuovo attaccante dell'Inter alla Gazzetta dello Sport.

Stramaccioni, che cosa rappresenta Taremi per l'Iran?

"La sua storia calcistica è iniziata lì: è esploso nella squadra della sua città, l'Iranjanvan nella regione a sud ovest di Bushehr nell'omonima provincia, è approdato a 22 anni al Persepolis, uno dei club più famosi d'Asia e lì si è messo subito in mostra segnando più di 50 reti in tre stagioni e attirando le sirene del Qatar e l'attenzione dello Sceicco Jassim Al Thani,  mio ex presidente".

Come sarà il suo ambientamento all'Inter?

"I giocatori iraniani sono generalmente di carattere molto forte, e lui fino a oggi ha dimostrato grandi capacità di ambientamento. Non l'ho mai allenato ma lo conosco bene: è un gran lavoratore e ha avuto sempre un atteggiamento positivo negli spogliatoi che ha frequentato. Ricordo che al Porto, appena arrivato, per le prime gare collezionò molte panchine, ma grazie alle prestazioni e ai gol ha convinto l'allenatore Conceicao addirittura a cambiare modulo: dal 4-3-3 al 4-4-2 proprio per lui".

Alzerà il livello in Champions?

"È esperto e segna molto. Riempie l'area ed è completo, sa fraseggiare in combinazione col compagno, è abile nel gioco aereo e ha forza fisica".

Inzaghi avrà un titolare in più?

"Taremi sarà un'alternativa solida alla coppia di attacco Lautaro-Thuram che ha appena dominato la Serie A. Marotta e Ausilio hanno portato a termine un'operazione molto importante, ancora di più perché a costo zero".

Insomma, pare che Mehdi Taremi sia l'attaccante di cui l'Inter aveva bisogno. Oltre al forte tandem Lautaro-Thuram, Simone Inzaghi potrà sfruttare un grande giocatore soprattutto in questa stagione che sarà ricca di appuntamenti. 

Inter a caccia del difensore, tre nomi nel mirino nerazzurro
Taremi vuole convincere Inzaghi, aspira alla titolarità