Arnautovic in bilico tra cessione e permanenza. Le aspettative per lui erano discrete dopo una serie di prestazioni in casa Bologna in cui si era messo in luce e non poco, trascinando gli emiliani a suon di gol. Arnautovic aveva già vestito una volta la maglia nerazzurra, nella stagione 2009/2010, pur registrando solamente tre presenze, ma la sua seconda esperienza a Milano non è stata di certo delle migliori. Nessuno ha mai messo in dubbio il peso e l'esperienza che l'austriaco riesce ed è riuscito ad apportare al reparto offensivo interista sia da titolare sia da subentrato, ma un susseguirsi di guai fisici e di errori in zona gol lo hanno trascinato sempre di più ai margini delle rotazioni di Simone Inzaghi. Il suo futuro al momento è totalmente incerto, tra voci di mercato e volontà di restare: ecco gli scenari.

Inter, cosa fai ora con Arnautovic? Il futuro dell'austriaco

Se si parlasse di un separato in casa o di un giocatore che ha deluso le aspettative del mister la questione sarebbe immediatamente risolta, anzi nemmeno sarebbe nata, perché si tratterebbe solo di cederlo al miglior offerente. Aranutovic, però, ha un ottimo rapporto sia con lo spogliatoio sia con lo stesso Inzaghi, che ha sempre creduto in lui e lo ha sempre stimato. La sua ultima stagione all'Inter, tuttavia, non è stata affatto brillante e la dirigenza lo considera una delle pedine da muovere sul mercato per fare spazio ad un nuovo attaccante. Il futuro del numero 8 verrà deciso a Europeo concluso, ma sia per lui sia per il rientrante Correa la prospettiva di vestire nuovamente la maglia nerazzurra la prossima stagione pare davvero fragile. L'interesse nei suoi confronti, del resto, non manca: sempre vive le sirene arabe ma attenzione anche al Galatasaray che lo considera un possibile sostituto di Icardi, mentre in Serie A è apprezzato dalla Fiorentina del nuovo allenatore Palladino.
Spalletti scommette su Cristante e lascia fuori Frattesi?
Euro 2024, come sono andati i nerazzurri dopo la prima giornata