Mercato Inter Joaquin Correa. Tra i giocatori di rientro dai vari prestiti a cui Marotta, Ausilio e Baccin dovranno trovare una nuova sistemazione per il prossimo anno, uno in particolare rappresenta una situazione decisamente delicata. Dopo due stagioni in nerazzurro, fortemente voluto da Simone Inzaghi, suo mentore ai tempi della Lazio e pagato oltre 30 milioni di euro, Joaquin Correa ha appena concluso un altro anno deludente con il Marsiglia con zero gol in appena 12 partite (431 minuti totali). La vittoria dell'Europa League da parte del club francese, che avrebbe garantito la qualificazione alla prossima Champions League, avrebbe fatto scattare l'obbligo di riscatto per l’attaccante argentino arrivato in nerazzurro nell’estate 2021. Tuttavia, l'Atalanta ha fatto saltare questi piani eliminando l'Olympique in semifinale e facendo saltare l’accordo tra le parti.

Speranze turche

L'Inter rischia ora una minusvalenza significativa, considerando che nel 2021 aveva speso 32,6 milioni di euro per prelevarlo dalla Lazio. Come nel caso di Arnautovic, il Tucu non è più nel fiore degli anni, spegnerà infatti 30 candeline ad agosto e, con ancora un anno di contratto a 3,5 milioni di euro, questo rappresenta un doppio problema. L'argentino, in prestito durante questa stagione in Ligue 1 all'Olympic Marsiglia, non rientra più nei piani tecnici di Inzaghi e trovare una sistemazione che permetta a Marotta e al management nerazzurro di monetizzare prima della scadenza del contratto si rivela difficile. Ci sono state voci su un possibile ritorno in Argentina, nelle due squadre con cui Correa ha iniziato la sua carriera , River Plate ed Estudiantes, ma queste piste si sono raffreddate rapidamente, lasciando l’Inter con due potenziali acquirenti in meno e anche l'ipotesi di un trasferimento al neo promosso Como si è eclissata rapidamente con i lagunari intenzionati a puntare su altri profili.  Un’ancora di salvataggio per il club di Viale della Liberazione potrebbe essere rivolta verso la Turchia, terra di conquista per quei giocatori in cerca di riscatto. Nelle ultime ore hanno cominciato a circolare voci secondo cui Galatasaray e Fenerbahce, squadre in cui ex interisti hanno trovato fortuna, come Mauro Icardi, o ne andranno in cerca come José Mourinho, neo tecnico della sponda gialloblu di Istanbul, avrebbero messo nel mirino l'attaccante argentino, con una capacità economica sufficiente a poter sostenere l’ingaggio di un giocatore che, seppur di talento, fatica a esprimersi con intensità e continuità. Per il cartellino dell’ex Lazio, l'Inter chiede 10 milioni di euro per evitare di andare in negativo con l'investimento, mentre i due club più titolati di Turchia puntano a ottenere uno sconto. L'eventuale fumata bianca con una delle due interessate genererebbe una riduzione del monte ingaggi e un risparmio di 3,5 milioni. Nel frattempo, Marotta, Ausilio e Baccin sono al lavoro per trovare soluzioni adeguate e sebbene il futuro di Correa resti incerto, la dirigenza nerazzurra spera di trovare una soluzione per capire se la sua avventura in nerazzurro si concluderà con una soluzione positiva per tutte le parti coinvolte.
Il libro de Il Nerazzurro: LA SECONDA STELLA è in promo su Amazon
Frattesi protagonista con l'Inter e l'Italia: è il suo anno