Como sfondo nerazzurro: 3 ex dell'Inter. Immagina di dover tornare nella massima serie del calcio italiano dopo più di 20 anni. Immagina di farlo in casa tua, davanti a quasi 8mila persone. Immagina, inoltre, di farlo davanti ad una leggenda del calcio come Thierry Henry e allenato da un'altra leggenda come Cesc Fabregas. Un vero e proprio film, verrebbe da dire. Uno di quelli che sogni la notte, magari con un dolce risveglio e una programmazione di un futuro pieno di successi, gioie e felicità. Purtroppo non si può sapere cosa accadrà nei prossimi anni, ma una cosa è certa: la promozione del Como in Serie A è una solida realtà, conquistata dopo un'annata strepitosa terminata al 2° posto in Serie B, dietro solo al Parma. La realtà lacustre è in una fase cruciale della sua storia: l'appeal della società si è presto innalzato dopo l'approdo della nuova proprietà, che non solo ha gettato basi piuttosto solide per il futuro, ma ha anche coinvolto figure di spessore nell'organigramma societario per innescare una mentalità vincente. La mossa è stata ben accolta, poiché mai nessuno avrebbe pensato di ragionare i biancazzurri come una formazione vincente e dal futuro prospero. L'inserimento di un centrocampista come Fabregas, poi diventato allenatore, è un passo importante nell'ottica futura. L'arrivo di Henry, possessore di uno stakeholder del club e fortemente interessato alle dinamiche del Como. Un tifoso in più come Jamie Vardy, anche lui presente al Sinigaglia nel pareggio casalingo contro il Cosenza all'ultima di campionato. Con la promozione ottenuta, ora il Como ha la sua occasione per fare il cosiddetto 'salto di qualità' e costruire una squadra in grado di mantenere il proprio posto in A. Molti nomi sono stati sondati, fra cui anche qualche ex giocatore dell'Inter.

Due della passata stagione, uno da almanacco

Il mercato della formazione lombarda è in una fase cruciale, poiché il focus è sulla scelta dei profili papabili da acquistare e portare in squadra. Non è un lavoro facile, poiché richiede il giusto tempo, la giusta grinta e la giusta convinzione per poter arrivare a rafforzare pure la volontà del giocatore di vestire la maglia del Como. Tornando agli ex Inter, il primo nome è quello di Emil Audero, fresco vincitore dello Scudetto ma ormai intorpidito dalle panchine ripetute in stagione. Il suo rendimento non è stato all'altezza di una società grande come l'Inter, ma si dia il caso che in una realtà più ristretta come quella lombarda possa effettivamente tornare alle promettenti stagioni in maglia blucerchiata. Gli altri nomi sono presto detti: uno è il cileno Alexis Sanchez, che però appare più lontano rispetto agli altri. Probabile che il centravanti ex Arsenal voglia rimanere in un top club europeo, così da giocare anche qualche competizione internazionale. Tuttavia, non è da escludere un suo incredibile approdo visto il forte legame con Fabregas. L'ultimo nome è quello di Stefan Jovetic, anche lui fresco vincitore di un trofeo come la Conference League. Il montenegrino sogna una seconda tappa a Firenze, sponda Fiorentina, ma nel caso non ci fosse margine l'opzione Como si farebbe sempre più concreta.
Antonelli, DS Venezia: "È vero, ci piace Oristanio, ma non diciamolo perché..."
Scudetto in nerazzurro, primo Europeo e il legame con l'Italia: a tutto Asllani