Home La Settimana Inter-Spezia 2-1, le pagelle dei nerazzurri

Inter-Spezia 2-1, le pagelle dei nerazzurri

Inter-Spezia 2-1, le pagelle dei nerazzurri. Hakimi con la sua strapotente velocità sblocca la gara, poi Lukaku trasforma un rigore solare.

Inter-Spezia 2-1, le pagelle dei nerazzurri

Hakimi con la sua strapotente velocità sblocca la gara, poi Lukaku trasforma un rigore solare.

Inter-Spezia 2-1, le pagelle dei nerazzurri. Hakimi con la sua strapotente velocità sblocca la gara, poi Lukaku trasforma un rigore solare.

Handanovic 6 – Praticamente mai chiamato in causa. Lo Spezia crea gioco ma non occasioni da gol, lui ringrazia e passa un pomeriggio tranquillo. Almeno fino al 94′
Skriniar 6,5 – Qualche errore in fase di costruzione dell’azione, ma a livello difensivo è il più attento e il più attivo dei tre. Annulla e contiene la vivacità di Gyasi
De Vrij 6 – Il 4-3-3 dello Spezia lo costringe a toccare meno palloni del solito in fase di costruzione del gioco. Bada al sodo, con una fase difensiva senza affanni
Bastoni 6 – Partita di gestione e controllo, quella del numero 95 nerazzurro. Dalla sua parte Acampora prima e Agudelo poi non creano particolari pericoli
Hakimi 7 – Prima frazione sotto ritmo, asfissiato dal pressing costante dello Spezia. Nella ripresa trova spazio e cresce di intensità: si spiega così il gol che sblocca il risultato e in generale una prestazione più che convincente (dall’80’ D’Ambrosio sv)
Barella 6 Un po’ più in ombra rispetto alle ultime uscite, ma il suo dinamismo resta imprescindibile

Brozovic 5,5 – Conte non ci rinuncia, Italiano gli piazza addosso Ricci e il croato va in difficoltà. Raramente riesce a dare idee di gioco alla sua squadra (dal 66′ Vidal 6 – Un po’ impreciso sugli appoggi, ma la sua fisicità in fase difensiva aiuta nei minuti finali)

Gagliardini 5,5 – Il dinamismo e la compattezza dello Spezia a centrocampo gli creano non pochi problemi, anche nella gestione del pallone (dal 46′ Sensi 6,5 – Dai suoi piedi nasce il calcio di rigore del 2-0. Porta qualità alla manovra e la squadra ne risente positivamente)

Young 6 – Nel primo tempo è l’unico realmente pericoloso fra i 22 in campo con una grande serpentina a sinistra. Poi si dedica principalmente alla fase difensiva (dall’80’ Darmian 5 – Si fa bruciare da Piccoli allo scadere, col gol del 2-1)

Lautaro 6,5 – Azioni da gol, poche. Aiuto per la squadra, tanto. Anche quando non riesce ad essere pericoloso in zona gol, il Toro dà comunque il proprio contributo: con l’assist per Hakimi, ma pure col pressing costante

Lukaku 7 – La sua importanza può essere sintetizzata con la perfetta sponda che dà il via all’azione del gol di Hakimi. Poi, con apparente ma non scontata semplicità, segna il 2-0 su rigore. Anche in una giornata ruvida e complicata, Big Rom è sempre decisivo (dall’80’ Perisic sv)

Antonio Conte 6 – Schiera la sua Inter senza sorprese, schierando l’undici idealmente titolare visto nelle ultime settimane. A inizio ripresa corregge il tiro aumentando la qualità con Sensi e i risultati si vedono