Icardi e Vecino disegnano la rimonta perfetta e il Tottenham capitola nel finale

L’Inter tornava in Champions dopo sei anni. Sei anni lunghi e interminabili.

Troppi se si pensa al blasone e alla tradizione dei nerazzurri. 

La storia è stata rispettata perché l’Inter regala alla fine una prestazione o meglio un epilogo, quello finale, davvero emozionante. Certo l’esistenza della stessa Inter è costellata da momenti simili ma il cuore difficilmente riesce ad abituarsi. Già la cornice di pubblico è quella dei giorni migliori. I tifosi sono caldi, credono nella grande partita e credono in Spalletti che dopo Parma ha parlato della gara contro gli inglesi del Tottenham come possibile partita della svolta.

La svolta, per il momento, è ben rappresentata dai sette minuti che vanno dall’86’ al 92’. Perché l’Inter, dopo esser passata in svantaggio al 53’ complice un gol dell’inglese Eriksen, disegna la rimonta perfetta. Esemplare come tempistica ed emozionante per la gioia incontenibile dei suoi tifosi. Così se Icardi, all’esordio in Champions, fa tremare lo stadio al minuto 86’ , Vecino al 92’ lo fa letteralmente crollare. Un uno-due che schianta gli Spurs, ribalta il risultato e proietta l’Inter come una delle protagoniste del palcoscenico continentale.

Se il primo tempo nerazzurro è vissuto infatti tra qualche difficoltà, nel finale del secondo l’Inter ricorda al mondo, e in pochi minuti, quello di cui può esser capace. Nella prima frazione di gioco gli uomini di Spalletti giocano con impegno senza  risparmiarsi ma non trovano mai l’acuto decisivo. Negli ultimi trenta metri sembrano mancare della giusta pericolosità ed ispirazione.

Gli inglesi, al contrario, trovano il corridoio giusto ad inizio della ripresa; il tiro di Eriksen, sporcato da Miranda, si trasforma in qualcosa d’imprendibile per l’ incolpevole Handanovic. Il Tottenham approfitta della situazione di confusione nerazzurra per cercare il raddoppio. Le ripartenze inglesi sono pericolose ma Handanovic è sempre bravo e attento.

Spalletti opera qualche cambio e il resto è consegnato ad una cronaca che scrive le pagine di una serata indimenticabile. Una serata da Inter, con Icardi e Vecino a comandare la rimonta. E 65.000 tifosi in delirio.

Amala!

Sandro Zedda

Print Friendly, PDF & Email