Home La Settimana Amichevole di Lugano, un breve commento…

Amichevole di Lugano, un breve commento…

Amichevole di Lugano, un breve commento... Inzaghi fa quello che può, con i giocatori a disposizione fatica a mettere in campo una formazione competitiva, ma...

Amichevole di Lugano, un breve commento…

Inzaghi fa quello che può, con i giocatori a disposizione fatica a mettere in campo una formazione competitiva, ma…

Amichevole di Lugano, un breve commento… Inzaghi fa quello che può, con i giocatori a disposizione fatica a mettere in campo una formazione competitiva, ma…

Affronta il Lugano molto avanti nella preparazione, il campionato in Svizzera inizierà tra 7 giorni, nazionali esclusi, l’Inter ha solo 9 giorni di preparazione nelle gambe. Inizia a giocare con il 3-5-2 e lascia giocare i ragazzi come erano abituati con Antonio Conte e di tanto in tanto inizia a chiedere piccole modifiche nei tempi di movimento della squadra nelle fasi di transizione, nel pressing alto, nella fase di ripiegamento – specialmente dopo l’azione del primo gol dei ticinesi – e chiede qualche nuovo movimento alle punte.

Ranocchia il centrale a comandare la linea difensiva dei 3 gioca discretamente, D’Ambrosio e Di Marco completano la linea; buona la prestazione, come al solito, di D’Ambrosio che sa sempre cosa deve fare. Ottima la gara di Di Marco – che noi non metteremmo sul mercato… – A centrocampo girano Agoumè – non piaciuto alla prima uscita – Naingollan ha girato discretamente bene, Gagliardini purtroppo non ha dato molto. I due quindi sulle fasce: Dalbert? Meglio non parlarne… Darmian, onesta gara, ha  fatto il suo compitino con diligenza. Davanti Pinamonti ancora indietro, l’uruguagio Satriano, un ragazzone di 1.87 per 75 kg ha giocato un match di quantità e qualità, sempre dentro su ogni palla con buoni movimenti, palo e gol di ottima fattura. Grinta da paura!

Ora lasciamo lavorare…

#Amala