Home La Settimana America’s Cup, niente da fare per Luna Rossa, sogno infranto dai neozelandesi

America’s Cup, niente da fare per Luna Rossa, sogno infranto dai neozelandesi

America's Cup, niente da fare per Luna Rossa, sogno infranto dai neozelandesi. Il trofeo rimane in Nuova Zelanda.

America’s Cup, niente da fare per Luna Rossa, sogno infranto dai neozelandesi

Il trofeo rimane in Nuova Zelanda

America’s Cup, niente da fare per Luna Rossa, sogno infranto dai neozelandesi. Il trofeo rimane in Nuova Zelanda.

Luna Rossa ha fatto tutto quello che poteva davanti a un avversario che aveva una marcia in più. Non nell’organizzazione e neppure nella qualità dell’equipaggio, che anzi ha dato prova di grandi capacità, forse persino superiore ai maghi neozelandesi, ma nella velocità della barca. In Coppa America, alla fine, vince sempre quella più veloce e Team New Zealand lo è.

Per dimostrarlo, però, ha dovuto soffrire e lottare anche lei, perché nonostante questo Luna Rossa l’ha spesso messa alle corde, approfittando di una qualità di conduzione e di un rodaggio di regate che il Defender non aveva e che ha poi compiuto strada facendo e velocemente, fino alla vittoria.

Del resto è al Defender che spetta dettare le regole di progettazione e realizzazione delle barche ed è evidente che nel momento in cui lo fa ha già studiato il progetto e le sue possibili evoluzioni.

Ha dunque un vantaggio sancito dai regolamenti, che gli altri devono solo far proprio.

E qui i neozelandesi hanno probabilmente messo le basi della loro difesa, realizzando delle ali più piccole e per questo meno frenanti sull’acqua rispetto agli sfidanti, e persino regolabili a seconda delle necessità.

Come se in Formula 1 un’auto potesse variare la geometria degli alettoni in base alla velocità e alle curve.

Ciononostante Luna Rossa l’ha tenuta spesso dietro e ora possiamo dirlo, con un po’ di fortuna in più – che ai kiwi non è mancata- e anche un maggiore cinismo, avrebbe potuto davvero cambiare le sorti della partita e adesso parleremmo d’altro.

Resta da vedere cosa sarà ora di Luna Rossa, se questo bagaglio di esperienza, qualità e capacità, continuerà a essere sviluppato e messo a frutto con una nuova campagna tra quattro anni o meno.

Per ora il Patron Prada, Patrizio Bertelli, con le sue 6 sfide lanciate è il miglior perdente di sempre.

Ma la ruggine si sa, non muore mai e come ha già confessato per lui la Coppa finisce solo quando l’hai conquistata.

Fonte RAI Sport