Home In primo piano L’Inter, una leggendaria squadra di calcio italiana, è minacciata dalle mutevoli prospettive...

L’Inter, una leggendaria squadra di calcio italiana, è minacciata dalle mutevoli prospettive in Cina

L'Inter, una leggendaria squadra di calcio italiana, è minacciata dalle mutevoli prospettive in Cina. I proprietari cinesi dell'Inter hanno speso molto per le grandi stelle, e ora sta vincendo di nuovo. Ma il conto è in scadenza, mettendo in dubbio il futuro della squadra.

L’Inter, una leggendaria squadra di calcio italiana, è minacciata dalle mutevoli prospettive in Cina

I proprietari cinesi dell’Inter hanno speso molto per le grandi stelle, e ora sta vincendo di nuovo. Ma il conto è in scadenza, mettendo in dubbio il futuro della squadra. Interessante articolo pubblicato da New York Times

L’Inter, una leggendaria squadra di calcio italiana, è minacciata dalle mutevoli prospettive in Cina.I proprietari cinesi dell’Inter hanno speso molto per le grandi stelle, e ora sta vincendo di nuovo. Ma il conto è in scadenza, mettendo in dubbio il futuro della squadra.

La nuova proprietà cinese di alto livello avrebbe dovuto riportare l’Inter ai suoi giorni di gloria. Ha speso molto per giocatori importanti. Dopo cinque anni di investimenti, la leggendaria squadra di calcio Inter Milano torna a vincere il primo campionato italiano in un decennio.

Ora il conto è scaduto e il futuro dell’Inter è improvvisamente in dubbio.

Suning, un rivenditore di elettronica che è il proprietario di maggioranza del club, è a corto di soldi e sta cercando di vendere la sua quota. Il club sta sanguinando soldi. Alcuni dei suoi giocatori hanno accettato di differire il pagamento, secondo una persona vicina al club, che ha richiesto l’anonimato perché le informazioni non sono pubbliche.

L’Inter ha avuto colloqui con almeno un potenziale investitore, ma le parti non hanno potuto concordare un prezzo, secondo altri a conoscenza delle trattative hanno detto.

Le aspirazioni calcistiche di Suning si stanno sgretolando anche a casa. La società ha interrotto bruscamente la sua squadra nazionale quattro mesi dopo che il club aveva vinto il campionato nazionale cinese. Alcune stelle, molte delle quali hanno scelto di giocare lì invece che a Chelsea o Liverpool, hanno detto di non essere state pagate.

La Cina ha fallito nel suo sogno di diventare un attore globale nello sport più popolare al mondo. Spinta in parte dalle ambizioni di Xi Jinping , il massimo leader della Cina e un ardente tifoso di calcio, una nuova razza di magnati cinesi ha investito miliardi di dollari in club e fuoriclasse, trasformando l’economia del gioco. Gli investitori cinesi hanno speso 1,8 miliardi di dollari per acquisire partecipazioni in più di una dozzina di squadre europee tra il 2015 e il 2017, e il campionato nazionale cinese ha pagato gli stipendi più alti mai elargiti alle reclute all’estero.

Ma la pazzia ha esposto il calcio internazionale alle peculiarità del mondo degli affari cinese. Il profondo coinvolgimento del Partito Comunista rende le aziende vulnerabili ai bruschi cambiamenti dei venti politici. I magnati che spendono liberamente spesso mancavano di esperienza o raffinatezza internazionali.

Ora, i discorsi di inadempienze, svendite e uscite frettolose dominano le discussioni intorno ai tavoli delle riunioni. Un magnate minerario ha perso il controllo del Milan tra le domande sul suo impero economico . Il proprietario di una società produttrice di sapone e di additivi alimentari ha rinunciato alla sua partecipazione in Aston Villa. Un conglomerato energetico ha perso la sua partecipazione in Slavia Praga dopo la scomparsa del suo fondatore .

La situazione di Suning riflette “l’intera ascesa e caduta di questa era del calcio cinese”, ha detto Zhe Ji, direttore di Red Lantern, una società di marketing sportivo che lavora in Cina per le migliori squadre di calcio europee. “Quando la gente parlava del calcio cinese e di tutta l’attenzione che ha ricevuto nel 2016, è arrivata molto velocemente, ma è andata anche molto veloce.”

Suning ha pagato 306 milioni di dollari nel 2016 per una quota importante nell’Inter. Suning è un nome familiare in Cina, con negozi riforniti di computer, iPad e cuociriso per la crescente classe media del paese. Sebbene sia stato ferito dalla rivoluzione dell’e-commerce cinese, considera Alibaba, il titano dello shopping online, uno dei principali investitori.

Su un palco illuminato per annunciare l’accordo con l’Inter, Zhang Jindong, fondatore e presidente miliardario di Suning, ha sollevato una coppa di champagne e ha parlato di come la famosa squadra italiana – che ha vinto 18 campionati dal 1910 ma nessuno dal 2010 – avrebbe aiutato il suo marchio a livello internazionale e contribuiscono all’industria sportiva cinese.

Vantandosi delle “abbondanti risorse” di Suning, il signor Zhang ha promesso che il club “tornerà ai suoi giorni di gloria e diventerà una proprietà più forte in grado di attrarre le migliori star da tutto il mondo”.

Sotto la guida del figlio del signor Zhang, Steven Zhang, che ora ha 29 anni, il club ha speso più di 300 milioni di dollari in star come Lukaku, Mr. Eriksen e Lautaro Martínez, un attaccante argentino soprannominato il Toro per la sua implacabile ricerca degli obiettivi.

Suning ha anche accettato di pagare 700 milioni di dollari alla Premier League inglese per i diritti di trasmissione delle partite in Cina a partire dal 2019, sbalordendo l’industria.

Suning ha profuso denaro per un club nazionale che ha acquistato nel 2015. Ha speso 32 milioni di dollari per acquisire Ramires, un centrocampista brasiliano, dal Chelsea, e 50 milioni di euro per Alex Teixeira, un giovane attaccante brasiliano, che ha scelto la squadra cinese sul Liverpool, uno delle franchigie più famose del calcio.

Le reclute furono messe al lavoro vendendo condizionatori e lavatrici. In una pubblicità, il signor Teixeira ha esortato gli spettatori ad acquistare una marca cinese di elettrodomestici. “Sono Teixeira”, dice in mandarino, aggiungendo: “Vieni a Suning per comprare Haier”.

I soldi, ha detto Mubarak Wakaso, un centrocampista ghanese, hanno contribuito a rendere la Cina attraente. “I soldi che farò in Cina sono di gran lunga migliori della Liga”, ha detto in un mix di Twi e inglese in un’intervista lo scorso anno, citando il campionato in Spagna dove ha giocato una volta. “Non sto dicendo bugie.”

Le scommesse di Suning sul calcio erano mal programmate. Il governo cinese ha iniziato a preoccuparsi che i grandi conglomerati prendessero in prestito troppo pesantemente, minacciando il sistema finanziario del paese. Un anno dopo l’accordo con l’Inter, i media statali cinesi hanno criticato Suning per la sua acquisizione “irrazionale”.

Poi la pandemia ha colpito. Anche se l’Inter ha vinto sul campo, ha perso gli incassi del suo stadio di San Siro, uno dei più grandi d’Europa. Alcuni sponsor se ne sono andati a causa delle proprie pressioni finanziarie. Il club ha perso circa $ 120 milioni l’anno scorso, una delle maggiori perdite riportate da una squadra di calcio europea.

Di ritorno in Cina, Suning è stata colpita dall’e-commerce e dal coronavirus. I suoi problemi si sono accelerati in autunno, quando ha scelto di non chiedere il rimborso di un investimento da 3 miliardi di dollari in Evergrande, uno sviluppatore immobiliare e la società più indebitata della Cina.

Il fardello di Suning è destinato a diventare più pesante. Quest’anno, deve effettuare pagamenti di obbligazioni per 1,2 miliardi di dollari. L’azienda ha rifiutato di commentare.

Suning ha iniziato a fare passi drastici. L’anno scorso ha abbandonato il suo accordo di trasmissione con la Premier League.

Poi, a febbraio, ha chiuso la sua squadra nazionale, Jiangsu Suning, quasi quattro mesi dopo che la squadra aveva vinto il titolo della Super League cinese contro una squadra controllata da Evergrande. Almeno una delle reclute straniere della squadra ha assunto avvocati per aiutare a recuperare lo stipendio non pagato, secondo una persona coinvolta nella questione.

Un ex giocatore di Suning, Eder, un attaccante di origine brasiliana, ha fatto vibrare il mondo del calcio dopo che i media lo hanno citato dicendo che Suning non lo aveva pagato. Su Twitter , Eder ha detto che i commenti erano stati presi da una chat online privata senza il suo permesso. Il suo agente non ha risposto alle richieste di commento.

Per salvarsi, Suning ha fatto un passo che potrebbe complicare le fortune dell’Inter. Il 1 ° marzo ha venduto le sue azioni per un valore di 2,3 miliardi di dollari ad affiliate del governo della città cinese di Shenzhen. L’accordo ha dato voce alle autorità cinesi sul destino dell’Inter.

Una maggiore pressione finanziaria incombe sull’Inter. Deve pagare un’obbligazione di 360 milioni di dollari l’anno prossimo. Un investitore di minoranza a Hong Kong, Lion Rock Capital, che ha acquisito una partecipazione del 31% nell’Inter nel 2019, potrebbe esercitare un’opzione che richiederebbe a Suning di acquistare la sua quota per ben 215 milioni di dollari, secondo una delle persone vicine al club.

I funzionari dell’Inter stanno cercando finanziamenti, un nuovo partner o una vendita della squadra per una valutazione di circa 1,1 miliardi di dollari, ha detto la persona.

Il club fino a poco tempo fa era in trattative esclusive con BC Partners, la società britannica di private equity, ma non erano in grado di concordare il prezzo, hanno detto le persone a conoscenza dei colloqui.

Senza capitale fresco, l’Inter potrebbe perdere giocatori. Se non può pagare gli stipendi o le commissioni di trasferimento per i giocatori in partenza, le regole del calcio europee dicono che potrebbe essere bandito dalle competizioni più importanti.

“Siamo preoccupati, ma non siamo ancora spaventati per questa situazione – stiamo solo aspettando la notizia”, ​​ha detto Manuel Corti, un membro di un club di tifosi dell’Inter con sede a Londra.

“Essendo tifosi dell’Inter – ha detto – non siamo mai sicuri di niente fino all’ultimo minuto”.

Fonte “The New York Times”