Home In primo piano Inter, l’era Conte ai raggi X. Confronto con Spalletti e analisi

Inter, l’era Conte ai raggi X. Confronto con Spalletti e analisi

Con il pareggio contro il Sassuolo, l’Inter di Antonio Conte è sempre più lontana dalla Juventus capolista, mentre si avvicina l’Atalanta quarta. Dopo un super inizio, i nerazzurri sono in difficoltà e ora anche i piani in ottica calciomercato possono cambiare.

Inter, l’era Conte ai raggi X. Confronto con Spalletti e analisi

Con il pareggio contro il Sassuolo, l’Inter di Antonio Conte è sempre più lontana dalla Juventus capolista, mentre si avvicina l’Atalanta quarta. Dopo un super inizio, i nerazzurri sono in difficoltà e ora anche i piani in ottica calciomercato possono cambiare.

Inter, l’era Conte ai raggi X. Confronto con Spalletti e analisi. Il pareggio pirotecnico contro il Sassuolo di Roberto De Zerbi ha condannato l’Inter, salvo miracoli clamorosi nelle prossime giornate, a dover accantonare il sogno scudetto. I nerazzurri, guidati da Antonio Conte, non stanno brillando in questa ripresa post Coronavirus e le cose potrebbero complicarsi ulteriormente se i risultati dovessero continuare ad arrivare a singhiozzo. Inoltre, c’è il tema calciomercato: molti giocatori dell’Inter potrebbero essere al loro ultimo anno a Milano. Inter, dai risultati al calciomercato: l’era Conte ai raggi X.

Poco più di 365 giorni fa, Antonio Conte diventava l’allenatore dell’Inter. Una scelta rivoluzionaria per la società di Viale della Liberazione e che avrebbe dovuto uno step ulteriore di crescita dopo il biennio sotto la guida di Luciano Spalletti. Un anno dopo, vediamo che cosa è cambiato. Sicuramente, i nerazzurri dell’ex Chelsea hanno una continuità maggiore in campionato visti i 58 punti rispetto ai 50 del tecnico toscano, ma in Champions è arrivata l’eliminazione alla fase a gironi, ed in Coppa Italia il cammino è terminato in semifinale.

antonio conte inter napoli
Antonio Conte (Getty Images)
L’alto ingaggio di Antonio Conte, quasi il triplo di quello percepito da Spalletti, avrebbe potuto creare qualche aspettativa in più nei tifosi dell’Inter, ma il cammino di crescita di questa squadra è ancora lungo e lo si è visto anche contro il Sassuolo. Per un undici titolare che prende sempre più forma, nonostante qualche incongruenza tattica legata alla difesa a tre, la panchina non sembra essere ancora all’altezza.

Per i nerazzurri e per i tifosi, a secco di trofei dal lontano 2011, c’è però ancora la speranza Europa League. L’Inter affronterà infatti il Getafe agli ottavi di finale per quella che può essere davvero una sfida fondamentale non solo per il cammino in Europa, ma anche per la stagione vista la mancata vittoria in Coppa Italia e la perdita del treno scudetto in campionato.

Calciomercato Inter, un calo che cambia i piani, chi resta e chi va!

Diversi giocatori sono stati penalizzati dal nuovo modulo introdotto da mister Conte, mentre altri sono stati decisamente valorizzati. Fra questi spicca di certo Lautaro Martinez. Il centravanti argentino, un po’ in ombra nelle ultime uscite, è un obiettivo (???) del Barcellona di Quique Setien, ma l’Inter resta ferma sulle sue posizioni vista anche la clausola rescissoria di ben 111 milioni di euro. Discorso differente per un altro che sta brillando, Alessandro Bastoni. Il classe 1999 è forse la sorpresa più gradita di questa stagione, e su di lui ci sarebbe anche il Manchester City di Pep Guardiola.

Lautaro Martinez (Getty Images)
Capitolo delusioni. Probabilmente i due giocatori più in ombra e che hanno accusato il cambio tattico appartengono al reparto difensivo: parliamo di Milan Skriniar e Diego Godin. Il primo, espulso nel match di ieri, non è riuscito, con la difesa a tre, a confermare le grandi prestazioni delle ultime due stagioni. Il secondo invece, nonostante l’elevata esperienza, non sembra avere un gran feeling con Conte, per lui occhio ad un possibile ritorno alla corte del Cholo Simeone.

Passiamo ad Eriksen. Il trequartista danese, arrivato nella finestra di calciomercato invernale, dopo un inizio in sordina sembrava aver conquistato tutti nelle sfide contro Napoli e Sampdoria, ma il pareggio con il Sassuolo ha evidenziato ancora qualche lacuna tattica. In ogni caso, la nuova posizione da trequartista sembra giovargli.

Fonte: Calciomercato.it: raccogliamo il parere di altre testate.