Home In primo piano Il controllo di Suning passa a Jack Ma, Xiaomi e al partito...

Il controllo di Suning passa a Jack Ma, Xiaomi e al partito comunista

Il controllo di Suning passa a Jack Ma, Xiaomi e al partito comunista. Il destino della proprietà cinese del club nerazzurro.

Il controllo di Suning passa a Jack Ma, Xiaomi e al partito comunista.

Il destino della proprietà cinese del club nerazzurro.

Il controllo di Suning passa a Jack Ma, Xiaomi e al partito comunista. Il destino della proprietà cinese del club nerazzurro.

La famiglia Zhang, che ha fondato Suning nel 1990 e aveva circa il 35% del capitale, perde il controllo del gruppo di elettronica al consumo quotato alla Borsa di Shenzhen. Un fondo del governo locale cinese (della provincia di Jiangsu), partecipato anche da un gruppo di investitori privati tra cui il colosso dell’e-commerce Alibaba, fondato da Jack Ma, Xiaomi (smartphone) e Haier (elettrodomestici), ha rilevato dalla famiglia Zhang circa il 17% di Suning.com. Un’operazione, secondo quanto riportato dal Financial Timesda 1,4 miliardi di dollari.

Ora il principale azionista singolo è Alibaba (circa 20%) ma l’influenza dominante è quella dell’autorità pubblica. I nuovi investitori cinesi hanno creato un fondo denominato Jiangsu New New Retail Innovation Fund Phase II, dal valore di circa 1 miliardo di dollari. Ciò che non è ancora chiaro è se nella transazione, ovvero il 17% di Suning.com passato dalla famiglia Zhang al fondo, è stata la stessa famiglia ad aver incassato 1,4 miliardi o se c’è stato un impegno contestuale a utilizzare i fondi a copertura dei debiti del gruppo.

Stando a quanto riporta il Financial Times, la ristrutturazione di Suning riflette la nuova strategia del governo di Pechino di schierare società private insieme a istituti di credito statali per salvare conglomerati carichi di debiti, per attenuare i rischi derivanti dall’instabilità finanziaria e dalla perdita di posti di lavoro. In seguito all’accordo le azioni di Suning sono salite in borsa del 10%, dopo aver toccato i minimi negli ultimi mesi.

“Il portafoglio di investitori diversificati aiuterà Suning.com a migliorare ulteriormente la governance aziendale, le operazioni e la trasformazione del business come fornitore di servizi al dettaglio”, si legge nel comunicato che ufficializza l’operazione. Suning da tempo e` in difficoltà finanziarie, l’agenzia di rating Standard&Poor’s ha stimato il suo debito a oltre 6,6 miliardi di dollari nel terzo trimestre dello scorso anno. Va specificato, però, che Suning.com non controlla l’Inter, la cui proprietà viaggia su un ramo societario parallelo e autonomo della galassia Zhang.

La società nerazzurra infatti fa capo a Grand Tower, una nuova holding lussemburghese del gruppo Zhang interamente posseduta da una società sempre di diritto lussemburghese, Grand Sunshine Sarl, che a sua volta è interamente controllata da Great Horizon Sarl, che detiene il 68,55% del capitale dell’Inter.

Malgrado la famiglia Zhang abbia smentito un disimpegno, l’azionista Suning, per una serie di vicissitudini legate alla situazione in Cina, non può trasferire capitali in Italia e da un mese Great Horizon Sarl, ha ottenuto un prestito da 275 milioni dal fondo Usa Oaktree per venire incontro alle esigenze di cassa della società nerazzurra che ha ulteriori 375 milioni di debiti sotto forma di bond in scadenza nel 2022.

Suning ha messo in pegno le azioni del club a garanzia del prestito, con scadenza a tre anni, ricevuto da Oaktree e nel caso in cui non dovesse onorare le scadenze l’Inter finirebbe in mani americane.

Fonte della notizia: Affari Italiani

A nostro parere la situazione attuale pare tendere verso un disimpegno della Famiglie Zhang ed il controllo/proprietà dell’Inter potrebbe cambiare nel entro la fine della prossima stagione 2021-22…. In quali mani potrebbe finire?

Stay tuned!

Le immagini pubblicate su www.ilnerazzurro.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.