Home In primo piano Conte si, Conte no…

Conte si, Conte no…

Tutti i maggiori quotidiani sportivi e non ricalcano la stessa linea: Conte rimarrà all'Inter o no?

Conte si, Conte no…

Tutti i maggiori quotidiani sportivi e no ricalcano la stessa linea: Conte rimarrà all’Inter o no?

Conte si, Conte no… Nella prossima stagione Antonio Conte non vuole solo partecipare: vuole che la squadra giochi per vincere. Suning ha lo stesso obiettivo: vincere. Su questo punto si origina la forte divergenza tra tecnico e società. Nella stagione in corso il tecnico ha ormai individuato come e dove intervenire sulle risorse che compongono la rosa. La richiesta di Antonio Conte è indirizzata verso una importante revisione e potenziamento della rosa, senza per ora far nomi, il mister ritiene siano necessari importanti investimenti, per realizzare definitivamente il suo progetto ritiene necessario inserire una decina di nuovi giocatori, esperti, in età, pronti subito per puntare ai massimi traguardi.

Il  parere di Conte diverge su questo punto nodale con la strategia di intervento della proprietà, che ritiene sufficiente inserire 3 – 4 giocatori che abbiano il profilo calciatori desiderato dal tecnico ed un paio di giocatori da formare in prospettiva futura.

Il no di Conte all’idea di rafforzamento proposta dalla società è stato forte e chiaro, per buttarla sul ridere, nemmeno tanto, siamo al punto in cui il mister arrivò anni addietro con Andrea Agnelli: “Non posso Andare in un ristorante da 100 Euro, se ne ho in tasca 10…

La spaccatura con la squadra deriva proprio da questo: inserire una decina di nuovi giocatori significa cambiare mezza squadra tra giocatori di prima fascia e di seconda fascia. Conte non fa nomi, nè ruoli, pertanto tutti i giocatori vivono una situazione di tensione, soprattutto se si considera il fatto che Conte vuole partire da Lukaku, Lautaro ed un paio di altri componenti della rosa, il gruppo in questo momento è spaccato ed in confusione totale, condizioni non ideali per entrare in campo con la massima concentrazione, la cattiveria agonistica ed il livello tecnico e psicologico pretesi dall’allenatore.

Attenzione, si sta parlando di una rivoluzione e di investimenti per milioni di Euro, la divergenza tecnico-società è moto marcata e non facile da ricomporre, soprattutto conoscendo il carattere e la determinazione di Conte, poco disposto a mediare  sui propri convincimenti.