Home Grande Calcio Grandi Match L’Italia campione d’Europa dopo 53 anni.

L’Italia campione d’Europa dopo 53 anni.

L'Italia campione d'Europa dopo 53 anni. Grazie Mancini, grazie ragazzi!

L’Italia campione d’Europa dopo 53 anni.

Grazie Mancini, grazie ragazzi!

L’Italia campione d’Europa dopo 53 anni. Grazie Mancini, grazie ragazzi!

La gioia e le lacrime di Mancini sono anche i nostri sentimenti, la felicità del presidente Sergio Mattarella è la nostra felicità. Lottando e soffrendo, conquistiamo il secondo Europeo della nostra storia, dopo il successo del 1968, la nazionale di Zoff e capitan Facchetti, di Riva e Anastasi, superando, a Wembley, l’Inghilterra ai rigori: 4-3, dopo l’1-1 dei tempi regolamentari e supplementari. Decisivo è stato Donnarumma che ha respinto due penalty. Festeggiano sino all’alba i nostri tifosi. Non è stato facile, ma siamo noi ad alzare la coppa con capitan Chiellini, uno dei tanti eroi di questo Euro 2020.

La cronaca della nostra notte azzurra. Nel primo tempo abbiamo subito, al 2’, il gol degli inglesi: cross di Trippier, non si chiude la diagonale di destra e Shaw calcia al volo di sinistro, Donnarumma non può nemmeno tentare la parata. Siamo andati subito in crisi, incapaci, soprattutto a centrocampo, di mettere ordine alle idee, al gioco. Immobile e Barella e Insigne erano in chiaro affanno. Ma siamo riusciti a limitare i danni, sfiorando persino il pareggio con un sinistro da fuori area di Chiesa (35’). Nella ripresa, la musica è cambiata. Siamo tornati a dominare da un punto di vista tecnico, tattico ed emotivo, grazie a una difesa, con Chiellini e Bonucci baluardi insuperabili, superba, alla regia di Jorginho (sempre più vicino al Pallone d’Oro), alle incursioni sulla fascia sinistra di Emerson, il bravo sostituto di Spinazzola. E al 67’, ecco il pari: palo di testa di Verratti, non rilevato un rigore solare su Chiellini e tocco ravvicinato di Bonucci in rete!

Il risultato non cambia più nemmeno dopo i supplementari. Si arriva ai un’altra volta ai rigori,  ma anche questa volta i tiri dal dischetto ci sorridono, Donnarumma e Pickford ne parano due a testa, ma l’Inghilterra colpisce un palo fatale con Rashford. Per noi gli errori di Belotti e di Jorginho. Berardi, Bonucci e Bernardeschi trasformano i loro penalty.

Abbiamo sofferto, vero, ma è stato bello. Roberto Mancini ha riportato la nostra nazionale, dopo il buio del 2018, la mancata qualificazione al mondiale in Russia, al centro dell’universo calcistico: abbiamo, in questi ultimi anni, 34 partite consecutive senza sconfitte, recuperato dignità e orgoglio, offrendo un football all’insegna del bel gioco e dello spettacolo. E in questi Europei tutta una nazione (cancellando per un attimo, per un sospiro l’ombra lunga della pandemia) ha ritrovato sorrisi ed entusiasmo, la voglia di stare insieme, di risentire l’ebbrezza di un abbraccio. È stato un mese lungo, denso di emozioni, vittorie, gol, meraviglie, sacrifici. Ma abbiamo vinto, mostrando il volto di una squadra capace di farsi gruppo, all’insegna del tutti per uno e uno per tutti. È stato, questo, il capolavoro del Mancio: in tutto c’è stata bellezza.

Abbiamo festeggiato la Coppa l’11 luglio. Proprio come nel 1982, quando i ragazzi di Enzo Bearzot conquistarono il Mundial in Spagna. Fu, quella, l’estate, indimenticabile, di Pablito Rossi. Questi sono i giorni di Donnarumma, il miglior portiere al mondo, eletto miglior giocatore del torneo, ah che affaroni sta facendo il Milan!

It’s coming ROME, football is coming ROME!!! Sarebbe meglio “Returned Rome! Football returned Rome

Le immagini pubblicate su www.ilnerazzurro.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Fonte: Huffington Post