Home Calciomercato Inter, come potrebbe cambiare per la nuova stagione

Inter, come potrebbe cambiare per la nuova stagione

Inter, come potrebbe cambiare per la nuova stagione. Il commitment che la proprietà ha fissato per Beppe Marotta è molto complicato, ma il nostro AD Area Sportiva ha le capacità per uscire da questa situazione di impasse.

Inter, come potrebbe cambiare per la nuova stagione

Il commitment che la proprietà ha fissato per Beppe Marotta è molto complicato, ma il nostro AD Area Sportiva ha le capacità per uscire da questa situazione di impasse.

Inter, come potrebbe cambiare per la nuova stagione. Il commitment che la proprietà ha fissato per Beppe Marotta è molto complicato, ma il nostro AD Area Sportiva ha le capacità per uscire da questa situazione di impasse.

Portiere: il problema portiere è già stato risolto da tempo, Samir Handanovic rimarrà a guardia della porta del club. Crediamo comunque che sia onesto parlarci con chiarezza: Samir è stato un ottimo portiere, ma appare abbastanza chiaro che stia entrando, o forse è già entrato nella fase calante della carriera, i segnali che ha portato la scorsa stagione stagione lasciano pochi dubbi… Lo staff tecnico del club lo sa ed ha una visione chiara del problema, purtroppo in questo momento, per acquistare un portiere oggi servono da 25 a 35 milioni di Euro e l’Inter non ha la forza economica per affrontare l’investimento.

Centrali: se la situazione rimane quella di oggi, non dovrebbero esserci problemi: i titolari Skriniar, De Vrij e Bastoni sono delle sicurezze. In caso di necessità avremmo la copertura di D’Ambrosio e Ranocchia, noi abbiamo la presunzione di considerare più che buona la situazione. Certo dovesse partire uno tra Skriniar e Bastoni, si presenterebbe un serio problema… Bastoni difficilmente potrebbe essere ceduto, Skriniar desidera fortemente rimanere in nerazzurro, ma girano voci strane: per un’offerta tra i 50 ed i 60 milioni potrebbe essere sacrificato e gli equilibri cambierebbero, diverrebbe essenziale un sostituto… Ciò che preoccupa è la lunghezza del marcato: mancano 42 giorni alla chiusura della finestra del mercato estivo e potrebbe succedere di tutto…

Esterni: la cessione di Hakimi è stata un duro colpo, abbiamo 2 esterni Darmian e D’Ambrosio che potrebbero essere le coperture, non i sostituti. Per l’esterno di sinistra non siamo messi bene: Darmian e D’Ambrosio sono giocatori che potrebbero essere di copertura, non certo i titolari fissi sulla fascia sinistra. Ora si parla molto di Di Marco, abbiamo seguito il giocatore per qualche anno, dalla Primavera al Parma, al Verona. E’ un ragazzo giovane – 23 anni – buon fisico, gamba, garra, buonissimi colpi tecnici, ha fatto bene in ogni squadra in cui ha giocato, ma stavolta il salto da squadre di terza e quarta fascia al palcoscenico di San Siro è enorme. Il ragazzo ha le qualità per affrontarlo, bisogna capire se anche con la “testa” è in grado di fare il salto e diventare un titolare dell’Inter, capace di giocare con la concentrazione, la quantità e la qualità che ha messo in mostra fino ad oggi. Simone Inzaghi è orientato a confermarlo in rosa, avrà il tempo di valutarlo…, molto francamente, qualche piccolo dubbio l’abbiamo, ma potrebbe farcela. Non dimentichiamo Perisic, che potrebbe giocare esterno tutta-fascia  a sinistra, se dovesse rimanere… Torniamo a destra: è fuor di dubbio che serve un sostituto affidabile di Hakimi. Da parte nostra riteniamo che la migliore opzione sia Nandez, conosciamo discretamente Bellerin e Zappacosta, ma non ci convincono del tutto. La nostra personale opinione ci sposterebbe su Florenzi, 30 anni, ma molto esperto, duttile ecc. ecc., un giocatore che della fascia sa tutto, vedremo. Siamo certi che Marotta stia valutando altri profili, ne sa molto più di noi e saprà coprire quel ruolo con la scelta migliore.

Centrocampo: ad oggi, con Eriksen almeno per il momento – speriamo – fuori dai giochi i ruoli del centro campo dovrebbero essere coperti da Brozovic come play, Barella e Gagliardini. C’è da considerare che Brozovic sta facendo i capricci per il rinnovo… che il prode Gagliardini noi lo cederemmo senza pensarci 2 volte. Ora che è guarito confermeremmo al suo posto Vecino… Rimangono Cahlanoglu, Sensi e Vidal -???-. Gli altri dovrebbero essere tutti sul mercato, incluso Sensi, che potrebbe uscire in prestito per una stagione… Non parliamo di Agoumè, per favore! Con Cahlanoglu abbiamo qualche dubbio per il ruolo di mezzo-sinistro, vediamo un modulo 3-4-1-2, forse darebbe il suo meglio dietro le 2 punte.

Punte: già, le punte… Sanchez non è in fase calante, è al tramonto della carriera e fosse possibile cederlo tireremmo un sospiro di sollievo – e forse anche lo staff tecnico -, Pinamonti in uscita, prestito o cessione… ma chi lo prende con l’ingaggio che ha? Facundo Colidio non è valutabile, Salcedo difficile anch’egli da valutare… Ora Inzaghi “stravede” per Martín Satriano, ma una buona partita con gol e palo contro il Lugano Bastano per una sua conferma? certo è un giocatore di cui in Uruguay parlano come di un fenomeno da almeno 3 anni, quando ne aveva 17, arrivato la scorsa stagione, ha fatto sfracelli in Primavera. Posto che Lukaku non si muoverà da Milano, forse anche Lautaro, potrebbe essere un buon profilo su cui puntare, ma in caso di cessione di Lautaro sarebbe un degno sostituto? Chissà chi lo sa, sarebbe caricato di responsabilità molto gravose… Il discorso punte rimane quindi aperto, almeno in questo momento. Personalmente rinnoveremmo il contratto di Lautaro, diciamo a 6 milioni anno e lo cederemmo alla fine della prossima stagione, il ragazzo vuole fare il salto di qualità in un top club, Barcellona? Bayern? soprattutto vuole fare anche il salto di ingaggio ai 10/12 milioni anno che girano in quei club.

A conti fatti esistono le premesse per onorare lo scudetto e passare almeno la fase a gironi della Champions?

Il mercato è ancora molto lungo… #Amala