La presentazione ufficiale di Luciano Spalletti

PRESENTAZISPALLETTI 

La presentazione ufficiale di Luciano Spalletti

"Voglio riportare l'Inter dentro la sua storia"

APPIANO GENTILE - Conferenza stampa di presentazione per Luciano Spalletti, che dopo aver risposto in diretta su Facebook alle domande dei tifosi interisti, ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del Centro Sportivo Suning in memoria di Angelo Moratti:

'Vi ringrazio di essere presenti. Volevo iniziare con il fare i complimenti a Stefano Vecchi per il successo con la Primavera. Spero che i nostri giovani campioni continuino a volersi bene. Dovremo parlare molto anche dei suoi calciatori'. 'Voglio riportare l'Inter nel ruolo che le compete, nella storia di questo grande club. Mi sono immaginato l'Inter con una storia piena di cose belle che voglio vivere e assorbire fino in fondo, guardandola da più posizioni: in prima linea come attore ma anche come spettatore privilegiato'.

'È importante che i giocatori siano una squadra, che abbia tutte le qualità necessarie. Ho pensato a un 4-2-3-1, il fatto di giocare con moduli diversi però conta relativamente: diventa fondamentale riconoscere determinati concetti, avere una squadra che sa dove vogliamo andare. Tatticamente sarà importante studiare la linea difensiva avversaria'.

'Nella nostra squadra ci sono giocatori forti con qualità assolute, che però devono far parte di un meccanismo di squadra. Io voglio che tutti i calciatori riescano a donare qualcosa al compagno, delle proprie qualità'.

'Per quanto riguarda il mercato, ne stiamo parlando. Gli acquisti non vanno sbagliati, stiamo lavorando e sentendo quello che è l'umore dei nostri calciatori. Per vincere le partite servono una serie di cose. Sarebbe meglio avere il prima possibile a disposizione tutti i giocatori, se un calciatore già conosce l'idea che abbiamo diventa più facile inserirlo. Abbiamo 50 giorni in cui possiamo lavorare con più tranquillità senza creare problemi per arrivare alla partita'.

'Non sono più bravo di tutti gli allenatori che mi hanno preceduto, ma sono differente. Mi fido del mio modo di fare, chiedo ai calciatori di fidarsi di me perché sarò con loro al 100% in qualsiasi situazione. Ora sembrerebbe azzardato dire di avere la soluzione, ma penso che ci siano tutte le possibilità per riportare l'Inter dentro la sua storia'.

'Dobbiamo rispettare la Juventus per la sua forza, ma il rispetto non deve essere confuso con il timore. Noi non dobbiamo aver timore, si va dritti in campo a vedere chi è più bravo. Ho deciso di lasciare la Roma ringraziando tutti. Dopo quella storia, questa era la più bella che mi potesse capitare'.

'Capello - nuovo allenatore del Jiangsu Suning - è un grande personaggio del nostro sport. Tutti abbiamo appreso qualcosa da lui negli anni, cosa fanno i capitani di ventura. Ce ne sono stati anche qui all'Inter, come Herrera e Mourinho, che sono stati grandi nel nostro campionato e nella nostra storia. È entrato a far parte della famiglia Suning e riuscirà a far valere tutte le sue qualità. Non ho ancora parlato con lui ma sarà un piacere farlo'.

'La passione degli sportivi è l'anima. Più siamo e più vinciamo, noi abbiamo tantissimi tifosi e basta far capolino nella nostra storia per capire quanti siano. Serve dare forza al senso di appartenenza. Li aspettiamo sin dal ritiro di Brunico perché siano partecipi del nostro modo di fare'.

'Nagatomo ha fatto errori come calciatore, come tutti, ma umanamente anche da avversario è una bravissima persona. Joao Mario è un giocatore offensivo che aiuta anche a mantenere il controllo del gioco. Controllando il gioco si vincono le partite. Anche chi subentra 10 minuti deve dare quello che ha dato il compagno per 80 minuti. Se non cambiamo, non vinciamo'.

 

 

 

 

IlnerazzurroLogo

Autore della notizia

Prev Donnarumma - Milan un retroscena clamoroso
Next Si parla di rifondazione... Che Inter vedremo nella nuova stagione?

Matmag Assistenza Informatica

Classifica Serie A offerta da Livescore.it

Classifica Campionato Italiano offerta da Livescore.it