Verso Inter – Cagliari, la conferenza stampa di Luciano Spalletti

Ora mi aspetto uno scatto

Spalletti in conferenza:”Sappiamo qual è il nostro obiettivo, dal punto di vista caratteriale adesso mi aspetto uno scatto”

APPIANO GENTILE –  Ultimo turno infrasettimanale della Serie A 2017-2018, con l’Inter di Luciano Spalletti che domani sera scenderà in campo a San Siro per affrontare il Cagliari nella 33^ giornata di campionato. Prima domanda sulla volata Champions: “Ci eravamo costruiti la possibilità di gestire qualcosa, ma visti i risultati non possiamo più farlo nelle prossime 6 partite. Non so quanti punti serviranno per raggiungere la qualificazione, ma noi dobbiamo analizzare la situazione partita dopo partita in questo momento. L’unico obiettivo domani è la vittoria. Il fatto che si arrivi da qualche gara dove abbiamo segnato poco, non deve condizionare l’analisi delle prestazioni”. 

“Dobbiamo metterci sempre qualcosa di più, sia individualmente che collettivamente. Dobbiamo essere più esigenti nella finalizzazione, perché la preparazione l’abbiamo avuta e la squadra si è creata le possibilità per segnare. Il passo da compiere non è enorme, fa parte della nostra crescita e nelle prossime gare dobbiamo percorrere la giusta strada. Sappiamo qual è il nostro obiettivo e dove vogliamo arrivare. Dal punto di vista caratteriale adesso mi aspetto uno scatto tale da dimostrare la nostra consapevolezza del momento. I numeri li analizzeremo alla fine, ma siamo nelle condizioni di poterli leggere in maniera positiva”. 

Qualche domanda poi sulle condizioni dei singoli e sull’assetto tattico: “Rafinha? Sta bene, ma è normale che dopo un periodo di inattività ci voglia più tempo per recuperare e non si sappia cosa aspettarsi nel match successivo. La valutazione viene fatta di giorno in giorno, allenamento dopo allenamento. Candreva? Valuteremo, ma ieri ha fatto possesso palla con la squadra ed è stato dentro l’allenamento. Più minuti per Karamoh? A Bergamo è entrato un po’ tardi, è vero. Ma la partita non era semplice. Sono sicuro che ci potrà essere utile da qui a fine stagione. Difesa a 3 o a 4? Io sono comunque tranquillo, devo solo scegliere la soluzione migliore per essere più imprevedibili”. 

{loadposition adorizzontale}