L’Inter contiene un Napoli non al meglio e rischia di vincere col palo di Skriniar

Alla fine la notte di S. Siro da alla luce un pari tra Inter e Napoli. Le luci più belle sono quelle che hanno accolto il popolo interista per festeggiare, nella maniera migliore, i 110 anni di storia e di gloria nerazzurra

Alla fine la notte di S. Siro da alla luce un pari tra Inter e Napoli. Le luci più belle sono quelle che hanno accolto il popolo interista per festeggiare, nella maniera migliore, i 110 anni di storia e gloria nerazzurra

Tornando al pareggio tra Inter e Napoli le analisi e i commenti sembrano abbastanza scontati. Una divisione della posta che sembra non accontentare nessuna delle due contendenti. Forse l’Inter è un po’ più felice perché riesce comunque a scorgere un posto per la Champions; un po’ meno soddisfatti sono i partenopei che vedono i bianconeri agguantare, solitari, la prima posizione e mercoledì, nel recupero contro l’Atalanta, possono addirittura allungare il passo.

I nerazzurri sono sembrati di nuovo granitici in difesa e più in generale hanno mostrato solidità e compattezza. Il risultato ultimo è che Handanovic non ha neanche dovuto compiere un intervento significativo o degno di nota e al contrario c’è mancato poco, all’inizio della ripresa, che l’Inter non passasse in vantaggio. Al 48’ Cancelo batte un calcio di punizione dalla sinistra, il ragazzo è bravo e preciso; così Skriniar s’inserisce con prontezza tra Albiol e Koulibaly ma il suo colpo di testa finisce sul palo alla sinistra di Reina.

Il primo tempo scivola privo di sussulti. Il Napoli crea gioco ed è come sempre abile nel fraseggio corto. In soldoni nessuno riesce però a creare seri pericoli. L’Inter, come già accaduto all’andata, blocca il Napoli. Spalletti conferma di aver preparato bene la partita in settimana. Se Miranda e Skriniar offrono delle prove superlative colpisce, dall’altra parte, la mancanza di concretezza e di maggior determinazione da parte degli uomini di Sarri. Brozovic è bravo e anche Gagliardini fa il suo. L’Inter si difende bene e dimostra che il meglio riesce a darlo proprio contro le grandi.

Nella ripresa l’Inter va vicino al gol con Skriniar e al 67’ il Napoli costruisce con Mertens e Insigne la migliore occasione della partita. I due triangolano tra loro in modo sublime ma poi Insigne tenta di superare Handanovic con un pallonetto che termina alto. Gli azzurri continuano nel loro possesso palla, mostrano anche volontà nel superare l’Inter ma i nerazzurri, oggi, chiudono bene tutti gli spazi. Gli uomini di Spalletti sono attenti e precisi. Il pari è giusto ma a ringraziare è soprattutto la Juventus.

Amala!