Inter più forte e più ricca, ma serve uno ulteriore passo in avanti

Abbiamo bisogno di migliorare ancora

Serve uno scatto mentale, finora sono stati evidenzati soprattutto i limiti

“Quest’anno l’Inter è diventata ancora più forte e soprattutto più ricca. Il passaggio che deve ancora compiere non è tecnico, ma mentale. Non ha la testa della grande squadra pur avendo i giocatori di una grande squadra”. Questo quanto evidenzia il Corriere dello Sport, che parla del primo vero bivio stagionale della stagione visto l’imminente tour-de-force tra campionato e Champions. “L’abbiamo vista boccheggiare (e perdere meritatamente) a Reggio Emilia contro il Sassuolo. L’abbiamo vista spadroneggiare sul Torino per 45 minuti e poi farsi schiantare e farsi riprendere dallo stesso Toro nel secondo tempo. Un involucro ancora da riempire, una squadra con tanti punti interrogativi e pochi esclamativi – si legge -. Poi è arrivata la trasferta di Bologna e l’Inter ha avuto vita facile. Il 3-0 potrebbe togliere molti dubbi se non fosse maturato davanti a una delle formazioni più fragili del campionato. 
Ecco perché l’Inter è la squadra che in questo momento incuriosisce di più. Finora si sono visti soprattutto i limiti, ma non conosciamo ancora quali saranno i suoi pregi, le sue qualità, la sua forza. Se si guarda l’organico, arriva dopo la Juve. Il Parma in A e il Tottenham in Champions League, per un ritorno a lungo atteso a San Siro. Sono giorni decisivi per il lavoro di Spalletti. Che aspetta soprattutto i gol di Icardi”. 

Fonte: Corriere dello Sport / FC Internews