Il Crotone di Zenga ferma la Lazio e rimette in gioco l'Inter

CROTONELAZIO2

Grazie al Crotone di Zenga l'Inter resta in corsa Champions

 

Finisce 2-2 uno strepitoso match tra Crotone e Lazio. All'Ezio Scida va in scena una partita fondamentale per il destino di tutte e due le squadre ed indirettamente dell'Inter che torna in gioco per il quarto posto valevole Champions E' un pareggio giusto, che rimanda ogni esito all'ultimo respiro dell'ultima giornata di Serie A. Il Crotone si giocherà la salvezza al San Paolo di Napoli, mentre la Lazio ha a disposizione due risultati su tre nel big match dell'Olimpico contro l'Inter. I biancocelesti di Simone Inzaghi non approfittano del clamoroso passo falso casalingo dei nerazzurri col Sassuolo per mettere l'ipoteca sulla partecipazione alla prossima competizione europea.

Zenga decide di giocarsela a viso aperto, con coraggio e senza alcun timore reverenziale. I pitagorici sono ben messi in campo, con un 4-3-3 piuttosto offensivo: Trotta viene lasciato in panchina, appannaggio del più duttile Faraoni. Simone Inzaghi è costretto a ridisegnare la Lazio in virtù delle defezioni importanti: c'è Wallace in difesa al posto dello squalificato Ramos, Murgia e Felipe Anderson sostituiscono Parolo e Luis Alberto, mentre Caicedo è il terminale offensivo.

I ritmi sono elevati, la temperatura anche. Un caldo estivo a Crotone non limita i ventidue in campo, spinti da forti motivazioni. Gli ospiti partono meglio e al 15' si procurano un calcio di rigore: Lulic viene steso in area da Ceccherini, e lo stesso bosniaco trasforma dagli undici metri per lo 0-1 biancoceleste. Il Crotone non sta a guardare e le notizie dagli altri campi non sono positive. Al 29' azione personale di Martella sull'out mancino e cross perfetto per lo stacco di Simy, che pietrifica Strakosha e fa 1-1. Per l'attaccante nigeriano è il settimo centro stagionale, il sesto nelle ultime sette partite di campionato.

Numeri impressionanti, che mettono il bomber africano in cima alla lista degli imprescindibili per la compagine di casa. I calabresi sono rinvigoriti e il gol dà nuova linfa alla squadra di Zenga. Al 39' però, un contropiede micidiale mette Caicedo a tu per tu con Cordaz, che si supera e tiene in vita i suoi con un intervento prodigioso.

Ad inizio ripresa l'attaccante ecuadoregno colpisce una traversa sugli sviluppi di un calcio piazzato battuto da Felipe Anderson. E' il preludio all'assedio degli ospiti, che cercano insistentemente la vittoria per evitare lo 'spareggio' decisivo all'ultimo turno di campionato contro l'Inter. Simone Inzaghi decide di togliere Murgia e Radu già ammoniti ed evidentemente condizionati dal cartellino, e inserisce Patric e Caceres. Zenga si gioca la carta Stoian.

Al Crotone il pareggio serve a poco visti i risultati pessimi dagli altri campi, e la partita è vivace e appassionante, con due squadre che vogliono i tre punti. Al 61' i rossoblù compiono il sorpasso: Ceccherini raccoglie il cross di Barberis e insacca in rete con un piattone beffardo, firmando il 2-1. Sembra chiusa la gara, con la Lazio stanca e confusionaria, ma all'84' un guizzo di Milinkovic riapre i discorsi Champions. Giocata da vero rapace d'area di rigore e gol del 2-2 che riaccende le speranze laziali, facendo crollare le certezze dei pitagorici. Il finale è tutto da vivere, ma il risultato non cambia. Tutto rimandato ai prossimi 90' di gioco.

Fonte:RAISport

IlnerazzurroLogo

Autore della notizia

Prev Luciano Spalletti: "Credo alla Champions League al 100%, come i tifosi"
Next Lazio - Inter, le formazioni ufficiali

Matmag Assistenza Informatica