Lazio, tra Inter e qualificazione champions... basta con le chiacchiere

CHAMPIONS2017 18

Dovremo passare una settimana di chiacchiere e gossip fino alla gara con la Lazio?

Invece di analizzare con lucidità la situazione e le condizioni in vista di un match importantissimo per la nostra Inter, continuo a leggere pagine e pagine che parlano dellìesonero di Spalletti se non ci sarà la qualificazione, del divorzio di Icardi, di questo e di quest'altro big in mancanza di una vittoria contro la squadra di Inzaghi, ma smettiamola e pensiamo alla prossima partita. Si, ma abbiamo perso col Sassuolo, è vero, purtroppo è stata una partita balorda, perchè abbiamo perso? A mio modestissimo parere il problema si origina nella gara contro la Juventus, nella quale abbiamo giocato in 10 una partita molto dura sia fisicamente che mentalmente. La settimana successiva era in arrivo l'Udinese, Spalletti non ha caricato, ha lavorato sull'agilità e sull'approccio mentale alla gara.

L'Udinese ha provato a giocare la partita, ma l'Inter ben messa in campo ha corso pochi rischi e dopo i primi 2 gol l'Udinese è scomparsa: l'obiettivo dell'Udinese era il match con il Verona Hellas, squadra più alla sua portata, così l'Inter ha giocato sul velluto, 4 gol e finita lì.

In vista della gara contro il Sassuolo, Spalletti ha giustamente ritenuto che il Sassuolo ormai salvo, non si sarebbe certo scansato, ma non avrebbe giocato la partita della vita. Ritengo quindi che Lucianone ed il suo staff in settimana, nella convinzione che bene o male i 3 punti col Sassuolo il avrebbero portato a casa, in settimana hanno caricato, per lavorare poi su altri aspetti nella settimana prima della Lazio. Con il Sassuolo l'Inter ha iniziato ben messa portando un paio di azioni serie contro la porta del Sassuolo... Purtroppo al 25° è arrivato un gol pazzesco e purtroppo nessuno ne ha colpa, Politano ha nettamente sorpreso su palla inattiva dal limite la barriera ed il portiere,0 - 1.

L'Inter va in ansia ed inizia ad attaccare a testa bassa, 5 palle gol incredibili, ma non riesce a metterla dentro: 31° Brozovic deviato da Consigli; 34° Icardi calcia male di sinistro una palla che poteva giocare meglio; 36° paratona su Rafinha, 37° altra bella parata su Candreva; 44° limpida palla gol per Icardi: Perisic mette in mezzo basso,Icardi lascia scorrere e spara la bomba, Consigli scegli l'angolo giusto e mette in corner. Si va al riposo con il Sassuolo in vantaggio.

Nel secondo tempo il Sassuolo abbassa il baricentro,sono tutti dietro la linea della palla, l'Inter è a rischio di ripartenze a campo libero... Nel frattempo al 57° Candreva viene anticipato mentre calcia a porta completamente libera, passa 1minuto e Lemos anticipa con la punta del piede Icardi mentre colpisce di testa, 70° Perisic per Icardi che calcia cadendo, Consigli ferma palla col fondo schiena. Al 72° purtroppo arriva la ripartenza a campo aperto: Berardi punta Skriniar, che giustamente gli lascia il destro per il tiro, giustissimo, ma perde un tempo di gioco, Berardi guadagna lo spazio per un tiro che purtroppo parte non parabile: Sassuolo in vantaggio di 2 gol. Forse se l'avesse accompagnato lasciandogli il lato sinistro non avrebbe perso il tempo di gioco ed avrebbe concesso meno spazio tra lui e Berardi, forse avrebbe potuto contrarlo, purtroppo di se e di ma è lastricato l'inferno, gli ha dato il tiro sul destro ed è venuto fuori il gol della domenica.

Si riprende, il Sassuolo non si vede più: 80° gol di Rafinha, poi si mangia 2 gol Eder. Ah ma c'era anche Karamoh! Oltre il ridicolo! Il calcio è questo, può succedere tutto ed il contrario di tutto... Dire che l'Inter non abbia meritato non sarebbe giusto, la chiave della partita è da ricercarsi nel primo tempo quando Icardi, invece di cercare il palo lungo con un tiro più morbido, ha voluto tirare per spaccare la porta, forse era nervoso... non so, ma lo reputo un errore grave per uno come lui. Nella gara col Sassuolo all'Inter è mancata velocità di esecuzione e di movimento della palla, è mancata l'agilità, non sono mancati gli attributi e la voglia di vincere. Se Maurito avesse messo dentro quella palla e rimesso in parità la gara, c'era il secondo tempo per provare a vincere. 

Ora lasciamo lavorare Spalletti, parliamoci chiaramente, domenica la lazio è favorita! Può giocarsi "la finale" con due risultati utili su tre, vittoria e pareggio. L'Inter ha un solo risultato: vincere! Spalletti l'ha definita una finale, purtroppo è in errore, nelle finali in caso di parità al termine dei tempi regolamentari ci sono i supplementari e persistendo la parità i rigori. Domenica se al termine dei 2 tempi regolamentari saremo ancora in parità, sarà la Lazio a qualificarsi subito, niente supplementari eniente rigori, solo un risultato definitivo ed irrimediabile. Sarà una partita molto tattica, sarà importante tenere il campo, grande attenzione a non concedere ripartenze a campo aperto, la Lazio ci farebbe del male... Siamo consapevoli che Spalletti conosce molto bene ed in anticipo che tipo di gara deve giocare, non habisogno dei nostri consigli. 

Ha bisogno di essere lasciato in pace a lavorare con la squadra, basta, basta, basta con le chiacchiere! Tutti sanno sempre tutto, ma dopo il fischio finale a risultato consolidato... se perdiamo "Ecco io lo sapevo", "Via Spalletti", "Icardi se ne va", "Via i cinesi" e bla, bla bla.... Noi non conosciamo in anticipo il risultato, siamo però certi che sarà una sfida molto difficile e complicata.

Non lasciamoli soli! Basta con le chiacchiere!

  

 

IlnerazzurroLogo

Autore della notizia

Prev Bilancio consolidato Inter 2016-17
Next L’Inter vola in Champions League!

Matmag Assistenza Informatica